Preso dalla tradizione tipica toscana e fatto traslocare nei vicoli di Testaccio, il lampredotto è una delle specialità italiane che hanno trovato degno spazio nel nostro menu. Per capire meglio di cosa stiamo parlando riporteremo la ricetta di questo gustosissimo panino:

Il lampredotto, per chi non lo conoscesse, è una parte dello stomaco dei bovini, in particolare lo stomaco abomaso. E’ il protagonista assoluto di uno dei più famosi street food della Città di Firenze. Si ottiene cuocendo il lampredotto, appunto, in un brodo arricchito da diversi odori e dal pomodoro. Viene poi notoriamente servito all’interno di panini e venduto presso i “banchini dei trippai”, tappa imperdibile per chi si rechi in città la prima volta: è una vera e propria chicca della gastronomia fiorentina nonchè foriera di una tradizione popolare secolare. Il lampredotto viene insaporito a piacere con del semplice sale e pepe o con condimenti vari proposti dai vari trippai, da scegliere sul momento, tra i quali una salsa verde a base di prezzemolo. Ovviamente può essere semplicemente consumato in casa come un qualsiasi bollito di carne. Ecco la ricetta fiorentina originale per prepararlo:


Ingredienti
1 lampredotto intero
2 pomodori
4 carote
2 grosse cipolle
qualche foglia di basilico
1 ciuffo di prezzemolo
2 chiodi di garofano
4 coste di sedano
sale e pepe qb


Preparazione
Versare in una pentola grande con abbondante acqua tutti gli ingredienti, lampredotto compreso. Accendere la fiamma e fare bollire il tutto a fiamma moderata per un’ora. Prelevare il lampredotto e disporlo su un piano quindi servirlo insieme a dei sottaceti o con della salsa verde o piccante, a scelta. E’ altresì ottimo se accompagnato dal brodo di cottura e spolverato semplicemente con sale e pepe.



Scopri i piatti del giorno

Vedi il Menu